Importante iniziativa all’Arezzo International Horse per il Progetto Scuola messo in atto dal Comitato Fise Toscana. Circa quaranta docenti hanno partecipato ad un corso di avvicinamento al mondo del cavallo con l’obiettivo di promuovere lo sport dell’equitazione attraverso le scuole. Un incontro che ha visto l’adesione di numerose scuole dell’intera provincia dalle primarie fino ai licei.
L’Ufficio Scuola di Arezzo nella persona della dottoressa Antonella Bianchi ha supportato fattivamente l’iniziativa con i docenti che si sono mostrati attenti ed interessati all’argomento.
Relatori dell’incontro, che è valso anche come corso di formazione ed aggiornamento, sono stati il presidente della Fise Toscana Massimo Petaccia, il pediatra aretino Italo Farnetani e Riccardo Boricchi, patron dell’Arezzo International Horse.
Il corso formativo per operatori scolastici è stato organizzato dai referenti per la scuola della Fise Toscana Massimo Dal Piaz e Goffredo Pasquini.
L’incontro dopo una parte teorica, che si è tenuta nell’Area vip del centro di San Zeno, si è arricchito anche una sorta di battesimo della sella, tenuta dagli istruttori del centro e seguito dal delegato della Fise Toscana marchese Giuseppe Ramirez.
Tanta soddisfazione ed anche una certa emozione da parte dei docenti per questa splendida giornata passata immersi nel mondo del cavallo e che proseguirà con importanti progetti per il prossimo anno scolastico.
Riccardo Boricchi dell’Arezzo International Horse ha inoltre invitato tutte le scuole a partecipare ai numerosi eventi in calendario presso il centro, assicurando assistenza durante la visita.
“Grande soddisfazione – ha detto il presidente della Fise Toscana Massimo Petaccia – per la partecipazione e l’interesse dimostrato dagli insegnanti che rafforza le nostre intenzioni nel proseguire per l’introduzione della disciplina equestre nelle scuole attraverso incontri formativi e sportivi con allievi genitori ed insegnanti. Un ringraziamento va all’Arezzo International Horse che ci ha ospitato in modo eccellente e al Miur nelle persone di Mauro Guasti e Antonella Bianchi, che hanno supportato l’iniziativa in modo fattivo.”
Ha portato il suo saluto anche il presidente del Coni Giorgio Cerbai: “Mi trovo tra amici – ha detto – e sono molto favorevole a queste iniziative che hanno un aspetto non solo sportivo, ma anche sociale ed educativo. Il bullismo stesso si cura con processi educativi. Ed il cavallo ed il pony sono sicuramente importanti per l’educazione del bambino.”
Il pediatra Itali Farnetani ha ricordato il decalogo della salute equestre, ribadendo l’importanza di fare sport all’aria aperta e con un essere vivente che interagisce con il bambino e lo aiuta nella crescita e nel superamento di eventuali problemi comportamentali e anche fisici, a partire dall’obesità.
“E’ importante – ha ricordato il marchese Ramirez – entrare nelle scuole e far conoscere ai ragazzi l’equitazione. Far capire che non è affatto uno sport d’elite e che i costi non sono eccessivi. Inoltre è uno sport da far all’aria aperta e che può coinvolgere anche i genitori. Molti club ippici si sono infatti attrezzati per il tempo libero delle famiglie.”
“Si è celebrato oggi una giornata molto importante – ha detto il generale Massimo Dal Piaz – con un patto tra il mondo della scuola di Arezzo e la Fise Toscana. C’è stata una ricca partecipazione di insegnati e maestri e questa è la prova concreta dell’interesse per il mondo del cavallo. Le scuole preparano i cittadini del domani e sono la fucina dei futuri dirigenti, che con lo sport equestre trovano la migliore occasione per sentirsi inseriti nella società.”
“Arezzo ha dimostrato ancora una volta che può fare cose eccellenti – ha detto Goffredo Pasquini – un incontro importante che siamo riusciti ad organizzare grazie alla collaborazione e disponibilità della dottoressa Bianchi e di Boricchi e Bernardini dell’Arezzo International Horse. Abbiamo coinvolto circa quaranta docenti con i quali sicuramente il prossimo anno scolastico daremo vita ad importanti iniziative.”